X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’identificazione in Italia non preclude il rimborso IVA «diretto» ai non residenti

La prassi amministrativa si è allineata all’interpretazione fornita dalla Corte di Giustizia

/ Mirco GAZZERA e Simonetta LA GRUTTA

Mercoledì, 22 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Entro il prossimo 30 settembre, i soggetti passivi possono presentare le istanze di rimborso per l’IVA assolta nel 2020 in uno Stato membro dell’Ue diverso da quello in cui sono stabiliti (si veda “Domanda di rimborso dell’IVA assolta nel 2020 in altri Stati Ue entro fine settembre” dell’11 settembre 2021). A livello unionale, la disciplina di riferimento (attualmente la direttiva 2008/9/Ce) è stata interpretata dalla Corte di Giustizia in numerose occasioni, negli ultimi anni, applicando il principio della prevalenza della sostanza sulla forma, al fine di salvaguardare il diritto alla restituzione dell’IVA e garantire la neutralità dell’imposta.

Per quanto riguarda i presupposti, previsti dall’art. 3 della citata direttiva, i giudici Ue ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU