X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il voucher monouso passa dal documento commerciale

/ Corinna COSENTINO e Simonetta LA GRUTTA

Venerdì, 8 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel commercio al minuto sono molte le tipologie di buoni (o voucher) che possono essere presentati agli esercenti per acquisire beni o servizi. Ne sono un esempio le carte regalo emesse dai negozianti per promuovere la propria attività, i buoni spesa erogati nell’ambito del welfare aziendale, o, ancora, i buoni riconosciuti per legge a favore di specifiche tipologie di soggetti svantaggiati, onde agevolare determinati acquisti (es. “buoni celiachia”).

Negli ultimi anni, l’Agenzia delle Entrate ha fornito numerosi chiarimenti in merito al trattamento IVA dei voucher, con particolare riferimento ai buoni-corrispettivo (si vedano, ex multis, le risposte a interpello nn. 519/2019, 167/2020, 617/2020). Sotto il profilo operativo, però, possono ancora porsi dubbi in merito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU