X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

LAVORO & PREVIDENZA

Controlli difensivi sui dipendenti ammessi se preceduti dal fondato sospetto

Tali controlli sono validi anche dopo la riforma dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori, ma devono essere mirati ed ex post

/ Giada GIANOLA

Giovedì, 23 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 25732 pubblicata ieri, 22 settembre 2021, risolve la questione sulla sopravvenienza dei c.d. “controlli difensivi” dopo la riforma dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori in materia di controlli a distanza, ammettendone, a certe condizioni, la legittimità.

Il concetto di controllo difensivo, elaborato durante la vigenza della vecchia formulazione del citato art. 4, ha matrice di natura giurisprudenziale: si tratta dei controlli finalizzati all’accertamento di comportamenti illeciti o vietati da parte dei dipendenti ammessi al di fuori dall’ambito applicativo di tale norma, a condizione che non risultassero diretti a verificare l’adempimento della prestazione lavorativa bensì a salvaguardare il patrimonio aziendale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU