X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Il procedimento di liquidazione del patrimonio è definitivo

Impossibile per il debitore rimeditare l’accesso alla procedura data l’assenza di una prospettiva concordataria

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 21 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’invasiva procedura della liquidazione del patrimonio, declinata negli artt. 14-ter e ss. della L. 3/2012, presenta diverse affinità con l’istituto del “fallimento”, pur se non sempre ne viene riconosciuta una stretta applicabilità in sede analogica.

Una problematica delicata, che investe la sfera di disponibilità delle scelte del debitore, attiene alla possibilità per quest’ultimo di rimeditare, dopo l’emanazione del decreto di apertura, la scelta di accesso, con la conseguenza di dover verificare se, e a quali condizioni, la procedura possa essere rinunciata o revocata ad istanza di parte. Ciò in quanto non è infrequente il caso in cui il debitore, magari compulsato da procedure esecutive in corso, acceda, in maniera non del tutto consapevole, alla liquidazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU