X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Sequestro 231 per la società che distribuisce mascherine senza marchio CE

Tra i rischi penali connessi all’emergenza COVID-19 vi sono i delitti contro industria e commercio, specie per beni che possono essere contraffatti

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 14 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La distribuzione di mascherine chirurgiche senza marchio CE può comportare una responsabilità della società venditrice ai sensi del DLgs. 231/2001. In particolare, la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 37141 depositata ieri, si confronta con un provvedimento di sequestro in relazione all’illecito amministrativo di cui all’art. 25-bis.1 comma 1 lett. a) del DLgs. 231/2001, riferibile al reato presupposto di cui all’art. 515 c.p., sia in via diretta che per l’equivalente, sul denaro presente nei conti correnti di una società fino alla concorrenza di 421.548 euro quale profitto del reato.

Va precisato che l’art. 515 c.p. punisce la condotta di chi, nell’esercizio di un’attività commerciale, ovvero in uno spaccio aperto al pubblico, consegna all’acquirente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU