Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

«Extra profitti» incerti ai fini del contributo contro il caro bollette

Continua a generare dubbi la determinazione della base imponibile

/ Tommaso ANGELINI, Alexandra PICA e Vanessa SAVINI

Mercoledì, 15 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

A circa due settimane dalla data del versamento (pari al 40% dell’importo totale, calcolato nella misura del 25% dell’incremento nel saldo delle operazioni attive e passive), restano aperte talune questioni relative al contributo straordinario contro il caro bollette introdotto dall’art. 37 del DL 21/2022, modificato dall’art. 55 del DL 50/2022 (in corso di conversione in legge).

Un aspetto che continua a ingenerare dubbi è rappresentato dalla determinazione della base imponibile del contributo in oggetto che, ai sensi del comma 3 dell’art. 37 citato, è calcolata sulla base delle operazioni attive e passive (al netto dell’IVA) risultanti dalle comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche IVA (c.d. LIPE).

Senonché, come osservato da autorevole dottrina ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU