Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non utilizzabili le perdite della stabile in esenzione convenzionale

La Corte di Giustizia europea nega tale possibilità a una stabile cessata

/ Giuseppe Francesco PATTI e Enrico TERRAGNI

Venerdì, 23 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella giornata di ieri, 22 settembre 2022, la Corte di Giustizia dell’Unione europea è giunta a sentenza nella causa C-538/20, W AG, facendo seguito alle conclusioni dell’Avvocato generale depositate lo scorso 10 marzo. Nel caso di specie, una società residente in Germania aveva prima costituito una stabile organizzazione nel Regno Unito per poi procedere alla sua chiusura dopo alcuni anni in cui non erano stati realizzati utili, rendendo di fatto inutilizzabili le perdite fiscali generate all’estero. Il rinvio pregiudiziale muoveva dal ricorso presentato dalla società tedesca a fronte del rifiuto da parte dell’Amministrazione locale di consentire l’utilizzo da parte della casa madre tedesca delle perdite realizzate dalla propria branch. L’Amministrazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU