Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 5 dicembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Iniziativa del PM per l’istanza di fallimento svincolata dal procedimento penale

Anche le relazioni del curatore sono fonte di notitia criminis

/ Maria Francesca ARTUSI e Antonio NICOTRA

Venerdì, 30 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 28367 di ieri, ha confermato che il potere di iniziativa del pubblico ministero, ai fini della richiesta di fallimento ex art. 7 del RD 267/42, non deve essere necessariamente correlato alla pendenza di un procedimento penale.
L’intervento si pone nel solco della recente giurisprudenza di legittimità (si vedano, da ultimo, i recenti interventi nn. 27670, 27671 e 27675 del 21 settembre 2022) che priviliegia un’interpretazione estensiva dell’art. 7 del RD 267/42 e tale da includere anche le relazioni del curatore tra le fonti di possibile attivazione.

Secondo la giurisprudenza (Cass. n. 20400/2017), la ratio dell’art. 7, venuto meno il potere del Tribunale di dichiarare officiosamente il fallimento, è nel senso di estendere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU