ACCEDI
Lunedì, 4 marzo 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

L’usufruttuario può sciogliere la società

/ REDAZIONE

Venerdì, 1 dicembre 2023

x
STAMPA

Il Tribunale di Milano, nell’ordinanza del 21 agosto 2023, ha precisato che, anche se provocato dall’usufruttuario con il proprio voto (o la propria condotta), lo scioglimento della società non costituisce:
- perimento della cosa ai sensi dell’art. 1014 c.c.;
- abuso dell’usufruttuario ai sensi dell’art. 1015 c.c.

Lo scioglimento della società e la conseguente liquidazione del suo patrimonio, infatti, non estingue i diritti sociali, ma li trasforma in diritto alla quota di liquidazione; di conseguenza, il nudo proprietario non risulta pregiudicato dal mero scioglimento della società cui partecipava.

Diversamente, nel silenzio della legge (e, eventualmente dello statuto), si giungerebbe a limitare il diritto di voto spettante all’usufruttuario a seconda che l’oggetto della delibera sia idoneo o meno ad insistere sulla consistenza patrimoniale della quota. Soluzione impraticabile alla luce del diritto esistente (cfr. Cass. n. 7614/1996).

Del resto, la particolarità di un usufrutto insistente su partecipazioni societarie impone di valutare la condotta dell’usufruttuario con ottica diversa e più ampia rispetto a quella strettamente “dominicale”, essendo il valore della partecipazione connesso alla consistenza patrimoniale della società e alla concreta possibilità che l’ente possa continuare ad esercitare attività economica in forma collettiva. Sicché, in caso di conflitto insanabile fra i soci e di stallo societario, la liquidazione potrebbe risultare l’unico esito perseguibile.

TORNA SU