ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il socio accomandante risponde dell’infedele dichiarazione contestata alla società

La Cassazione valorizza l’omesso controllo che spetta anche se non si amministra la società

/ Caterina MONTELEONE

Martedì, 16 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui il reddito di una società in accomandita semplice sia stato rettificato con accertamento è legittimo irrogare al socio accomandante la sanzione per infedele dichiarazione ai sensi dell’art. 5 del DLgs. 471/97 determinata in proporzione alla quota di partecipazione dallo stesso detenuta.

È il principio ribadito con la sentenza della Cassazione 22 febbraio 2024 n. 4712, che si è pronunciata in relazione a un caso nel quale, a seguito dell’omessa impugnazione dell’atto di accertamento notificato alla società, l’Agenzia delle Entrate aveva accertato il maggior reddito imputandolo per trasparenza ai sensi dell’art. 5 del TUIR pro quota ai soci e il medesimo criterio veniva applicato per l’irrogazione delle sanzioni anche nei confronti dei soci accomandanti.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU