X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 25 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Dall’ODCEC di Roma le proposte per rilanciare l’occupazione

Il Presidente Civetta dinanzi alla Commissione lavoro della Camera: «In Italia si agisce al contrario, va abbassato il costo del lavoro»

/ Savino GALLO

Mercoledì, 25 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Quattro proposte, di cui almeno un paio a costo zero, nel tentativo di aiutare l’Italia ad uscire dall’emergenza occupazionale. Sono quelle che ha presentato il Presidente dell’ODCEC di Roma, Mario Civetta, nel corso dell’udienza di ieri, dinanzi alla Commissione lavoro della Camera. Si va dall’aumento della durata del primo rapporto di lavoro a termine “acasuale” (da 12 a 18 mesi) all’aumento del periodo di prova per i contratti di apprendistato (da 1-2 mesi a 6 mesi), passando per gli incentivi all’occupazione dei giovani lavoratori qualificati (con i “contratti di ingresso” per chi sostituisce un dipendente prossimo all’età pensionabile) e la riduzione del costo del lavoro, intervenendo sui contributi INPS e sulla deducibilità

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU