X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

LETTERE

Lo Stato di «polizia tributaria» è ormai una consuetudine

Mercoledì, 25 settembre 2013

x
STAMPA

Gentile Direttore,
ho esercitato per qualche anno la professione di dottore commercialista nella Provincia di Rovigo.
Con riferimento alla lettera sulle indagini finanziarie (si veda “Le indagini finanziarie superficiali possono portare a effetti devastanti”), volevo dirvi che mi è accaduta la medesima cosa.

Il 14 agosto del 2012 ho ricevuto una raccomandata dall’Agenzia delle Entrate con l’obbligo di dover spiegare rigo per rigo tutti i miei estratti conti correnti bancari. Avevo dieci giorni di tempo per spiegare tutti i movimenti di lavoro come commercialista e come amministratore in diverse società, oltre a tutti i miei movimenti personali. Circa 20 pagine.

La verifica era iniziata nel giugno del 2011, con la richiesta di presentare documenti di lavoro. Dopo più di un anno, senza alcuna contestazione, ecco l’obbligo di dover spiegare rigo per rigo tutti i movimenti indicati negli estratti conti. È palese che, ormai, inviare in prossimità delle vacanze di agosto e natalizie raccomandate “minacciose legalizzate” sia un modo di lavorare dell’Agenzia delle Entrate e, soprattutto, una tecnica psicologica.

Lo Stato di polizia tributaria è diventato una consuetudine da ormai il 2006, ma io non critico questo.
Critico il sistema con cui viene esercitato: verifiche retroattive, raccomandate con scadenze impossibili da rispettare, la normativa fiscale recente utilizzata retroattivamente, poteri discrezionali dei pubblici dipendenti, durata delle verifiche bibliche, spreco di energie fisiche ed economiche necessarie per sottostare alle pretese dell’Agenzia.


Simone Crepaldi

TORNA SU