X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il garante non può definire la lite sul rimborso IVA

Il contribuente, in sede di condono, può scomputare i versamenti effettuati dal garante

/ Dario AUGELLO

Giovedì, 23 maggio 2019

L’istanza di definizione della lite prevista dall’art. 6 del DL 119/2018 concerne anche gli avvisi di accertamento, con cui l’Agenzia delle Entrate rettifica il rimborso IVA previsto dall’art. 30 del DPR 633/72.
Si ricorda che il rimborso è eseguito dall’Ufficio in via provvisoria dietro prestazione di una garanzia a prima richiesta.
Per questo motivo, a seguito della notifica dell’accertamento al debitore, al garante è comunicato, di regola, un invito di pagamento.
Il garante infatti è tenuto, per effetto dell’accertamento notificato al contribuente, a ristorare l’Agenzia dell’importo indebitamente rimborsato al debitore.

Poiché l’atto con cui è recuperato il rimborso IVA è condonabile ex art. 6 del DL 119/2018 e il comma 9 prevede la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU