X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 22 settembre 2019

IL CASO DEL GIORNO

Il corso di studi all’estero può essere «pacchetto turistico»

/ Maria Giulia BORSA e Emanuele GRECO

Venerdì, 12 luglio 2019

Il regime speciale IVA delle agenzie di viaggio può essere applicato, a determinate condizioni, anche a soggetti passivi la cui attività non sia quella di una convenzionale “agenzia di viaggio” o di un “tour operator”.
È quanto risulta da alcune sentenze della Corte di Giustizia Ue (sentenza 22 ottobre 1998, relativa alle cause riunite C-308/96 e C-94/97; sentenza 13 ottobre 2005, relativa alla causa C-200/04), ove si afferma che il regime speciale IVA delle agenzie di viaggio di cui all’art. 26 della sesta direttiva (attuale art. 306 ss. della direttiva 2006/112/Ce, recepito dall’art. 74-ter del DPR 633/72) può essere fatto valere “anche nell’ipotesi in cui l’operatore economico non sia un’agenzia di viaggi o un organizzatore di giri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU