X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 7 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Revoca della lettera di intento con effetti puntuali

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Lunedì, 11 novembre 2019

Con diversi interventi di prassi, l’Amministrazione finanziaria ha consentito ai soggetti esportatori abituali di:
- aumentare o diminuire, in corso d’anno, l’ammontare del plafond disponibile indicato nella dichiarazione d’intento;
- non avvalersi, per alcune operazioni, del plafond ivi indicato;
- revocare la dichiarazione d’intento.

Qualora, nello stesso periodo di riferimento, l’esportatore abituale intenda acquistare da un fornitore beni e servizi in regime di non imponibilità IVA per un importo superiore a quello indicato nella dichiarazione di intento presentata, è necessario predisporne una nuova ove esporre l’ulteriore ammontare fino al quale si vuole continuare ad acquistare senza corresponsione dell’imposta (es. ris. Agenzia delle Entrate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU