X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per l’insubordinazione contestazione dettagliata

/ Luca MAMONE

Giovedì, 28 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le previsioni normative indicate agli artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. definiscono i confini entro i quali si colloca, da un lato, il potere disciplinare del datore di lavoro e, dall’altro, il dovere del lavoratore di conformarsi agli obblighi di diligenza, obbedienza e fedeltà.
In seguito, è stato l’art. 7 della L. 300/70 a delimitare in modo più definito l’ambito di esercizio del potere disciplinare da parte del datore di lavoro, fissando specifici limiti sostanziali e procedurali in merito alle sanzioni disciplinari.

In sintesi, i limiti sostanziali sono costituiti sia dalla sussistenza e imputabilità al lavoratore del fatto contestato, sia dalla proporzionalità tra la gravità della condotta e la sanzione inflitta.

Invece, i limiti procedurali sono costituiti dall’obbligo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU