X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Non basta pagare il debito tributario per la non punibilità dei reati dichiarativi

Il pagamento deve avvenire prima della formale conoscenza dell’attività di accertamento; dopo tale conoscenza è ammissibile il patteggiamento

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 22 novembre 2019

Con la sentenza n. 47287 depositata ieri la Cassazione ritorna sulle condizioni di ammissibilità del patteggiamento per reati tributari. 
L’art. 13-bis comma 2 prevede, in termini generali per tutti i delitti previsti dal DLgs. 74/2000, che il patteggiamento possa essere richiesto solo quando ricorra la circostanza di cui al comma 1 della stessa norma, nonché il ravvedimento operoso, fatte salve le ipotesi di cui al precedente art. 13 commi 1 e 2.

Il primo comma dello stesso art. 13-bis, dal canto suo, specifica il presupposto del patteggiamento, fuori dalle cause di non punibilità, nell’estinzione, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, dei debiti tributari, comprese le sanzioni amministrative e gli interessi, mediante integrale pagamento degli importi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU