X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Immobili ad uso promiscuo con reverse charge «parziale»

/ Emanuele GRECO

Sabato, 26 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli interventi edilizi su immobili utilizzati promiscuamente nell’ambito dell’attività professionale e nella sfera “privata” richiedono un’attenta valutazione del regime IVA ad essi applicabile.
Un caso ricorrente può essere dato dall’imprenditore, artista o professionista che commissiona servizi in ambito edile relativamente a un immobile in parte destinato all’esercizio dell’attività d’impresa, arte o professione e in parte destinato ad abitazione (o ad altri scopi estranei all’attività).
In altri termini, solo una parte del bene è utilizzato dal committente del servizio edile in qualità di soggetto passivo IVA, mentre la parte restante è fruita in qualità di “privato consumatore”.

Al fine di determinare il trattamento IVA ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU