X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Configurabile l’associazione a delinquere per uno studio professionale

All’esame della Cassazione il caso di uno studio associato in cui si utilizzano in compensazione crediti inesistenti in accordo con diversi contribuenti

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 8 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Può essere contestato il reato di associazione per delinquere ai professionisti di uno studio associato in cui ripetutamente si utilizzano in compensazione crediti inesistenti in accordo con numerosi contribuenti.
Così la Cassazione, nella sentenza n. 11570 depositata ieri, conferma la condanna per i reati di cui all’art. 416 c.p. (associazione per delinquere, appunto) e art. 10-quater del DLgs. 74/2000 (indebita compensazione) nei confronti di un professionista ritenuto l’organizzatore di un sistema illecito strutturato all’interno del proprio studio che comprendeva altri nove soggetti.

La sentenza di appello – che i giudici di legittimità mostrano di condividere – aveva preso in esame le specifiche posizioni di ciascun dipendente o collaboratore, il ruolo svolto e la consapevolezza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU