X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Domanda per lo sconto OT 23 entro il 1° marzo

Richiesta dalle aziende che hanno effettuato interventi migliorativi ulteriori rispetto alle prescrizioni su igiene, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

/ Fabrizio VAZIO

Mercoledì, 24 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 1° marzo 2021 scade il termine per la presentazione della domanda per ottenere l’OT 23, ossia il beneficio di cui all’art. 23 delle Modalità applicative delle tariffe dei premi INAIL (MAT), approvate con DM 27 febbraio 2019.
Si tratta dell’ex OT24, cioè della riduzione del premio per le imprese che hanno posto in essere un quid pluris rispetto alla normativa obbligatoria in materia di sicurezza sul lavoro.

È necessario che i datori di lavoro verifichino scrupolosamente il possesso sia dei prerequisiti previsti dalla norma sia del requisito fondamentale, relativo appunto agli interventi di prevenzione, e che pongano particolare attenzione alla documentazione giustificativa da inviare unitamente alla domanda. Come prima cosa, occorre essere in possesso del DURC, ossia della regolarità contributiva.
Altrettanto importante è il possesso del secondo requisito relativo alla regolarità rispetto alle vigenti disposizioni in materia di sicurezza e salute sul lavoro; in proposito, hanno rilievo solo eventuali accertamenti concernenti irregolarità che abbiano carattere di definitività.

Per accedere al beneficio occorre che, nell’anno precedente a quello di presentazione dell’istanza, l’azienda richiedente abbia effettuato interventi migliorativi ulteriori rispetto alle prescrizioni della normativa vigente in materia di igiene, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; a tale proposito sono necessarie almeno tre avvertenze nei confronti delle aziende.

In primis, occorre verificare di aver effettuato gli interventi previsti sul modulo OT 23 e che la somma dei punteggi attribuiti ai predetti interventi sia pari a 100, poiché solo in tal caso sarà possibile ottenere il beneficio, che corrisponde a uno sconto sul tasso medio, differenziato a seconda della dimensione aziendale.
In secondo luogo, è necessario verificare sul modulo la documentazione giustificativa prevista a supporto di ciascun intervento, controllando anche i requisiti formali della documentazione che si intende allegare, oggetto di attenta valutazione da parte degli uffici amministrativi dell’INAIL.
È poi senz’altro utile che i datori di lavoro leggano le FAQ pubblicate sul sito dell’Istituto assicuratore, che illustrano alcune problematiche rilevanti (ad es. quella relativa all’ammissibilità di corsi di formazione effettuati on line).

Una volta presentata la domanda corredata della documentazione richiesta, è possibile che il personale amministrativo INAIL – che verifica la regolarità formale della documentazione inviata, nonché il possesso del DURC e degli altri requisiti – richieda la presentazione di documentazione ulteriore, che l’azienda dovrà integrare a pena di esclusione dal beneficio.

Lo sconto si applica in sede di regolazione del premio assicurativo

Ultimata la fase di controllo amministrativo, vi sarà quella di controllo tecnico, successivamente alla quale l’Istituto, entro il termine di 120 giorni previsto dall’art. 23, comma 4 delle MAT, invierà il provvedimento definitivo che consentirà, ove la richiesta venga accolta, di fruire della riduzione in sede di regolazione del premio assicurativo.

Infatti, la riduzione riconosciuta dall’INAIL ha effetto per l’anno in corso alla data di presentazione della domanda, ed è applicata in sede di regolazione del premio assicurativo dovuto per lo stesso anno in uguale misura a tutte le voci della PAT (art. 23, comma 7 delle MAT).

TORNA SU