X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nella cessione d’azienda avviamento da calcolare anche se c’è la crisi del settore

Ai fini dell’imposta di registro, l’avviamento rileva e può essere usato il criterio matematico

/ Francesco BRANDI

Mercoledì, 23 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini del calcolo dell’imposta di registro, nella valutazione dell’azienda al momento della sua cessione, va considerato l’avviamento anche se il settore in cui opera l’impresa è in crisi.
A sancirlo è la Cassazione che, con l’ordinanza n. 15888 dell’8 giugno 2021, ha accolto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate contro la sentenza della C.T. Reg.

Materia del contendere erano la cessione di un complesso termale e il relativo avviso di liquidazione dell’imposta di registro che l’Agenzia delle Entrate notificava alla società.
Sia per la C.T. Prov. che per la C.T. Reg., che hanno accolto la tesi della contribuente, il valore dei beni immobili trascura la peculiarità della destinazione d’uso, per finalità unicamente termali, che ne riduce

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU