Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Definizione al terzo delle sanzioni problematica per lo splafonamento

Il problema potrebbe derivare dai sistemi interni all’Agenzia delle Entrate

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 14 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La mancanza di una disciplina organica in tema di avvisi di recupero dei crediti di imposta causa molte problematiche, che vanno dall’individuazione dei termini di decadenza applicabili agli istituti deflativi operanti.

Ormai, è pacifico che per l’indebita compensazione di crediti esistenti ma non spettanti (ad esempio per mancanza del visto di conformità, splafonamento, difetto di nulla osta) spetta la definizione al terzo delle sanzioni, disciplinata dagli artt. 16 e 17 del DLgs. 472/97.
Ciò a differenza di quanto può dirsi per l’indebita compensazione dei crediti inesistenti, caso in cui la definizione è espressamente vietata dall’art. 13 del DLgs. 471/97.
I programmi interni dell’Agenzia delle Entrate non sembrano aggiornati a dovere sull’indicazione, nelle

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU