X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Il CNDCEC torna a pensare alle dimissioni

Il tema è di nuovo sul tavolo dopo l’ultima pronuncia del TAR. Sulle elezioni dei commercialisti presentata anche un’interrogazione parlamentare

/ Savino GALLO

Giovedì, 21 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La settimana prossima i componenti del Consiglio nazionale dei commercialisti potrebbero rassegnare le dimissioni al Ministero della Giustizia. Il condizionale è d’obbligo, considerato quanto accaduto non più tardi di due settimane fa, quando il Presidente Miani aveva proposto agli Ordini locali di dimettersi salvo poi incassare nuovamente la loro fiducia (si veda “Gli Ordini locali «confermano» il CNDCEC” del 7 ottobre).

Questa volta, però, i margini per un nuovo cambio di rotta sembrerebbero essere più ridotti, perché, nel frattempo, è intervenuta la pronuncia del TAR che ha confermato la sospensione cautelare delle elezioni e rimandato la discussione nel merito del ricorso presentato dall’ex Consigliere nazionale Ruscetta al prossimo 25 febbraio. Dinanzi a uno stallo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU