X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Fondazioni di famiglia per la gestione patrimoniale con criticità

Per l’orientamento tradizionale, la fondazione è legittima se persegue uno scopo di utilità sociale

/ Cecilia PASQUALE

Venerdì, 3 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le fondazioni, quale complesso di beni vincolato ad uno scopo, autonomo rispetto al patrimonio del fondatore, presentano caratteri di potenziale interesse ai fini della gestione patrimoniale e del passaggio generazionale di ricchezza, consentendo l’erogazione di rendite a discendenti attraverso un patrimonio segregato e, dunque, inattaccabile dai creditori del fondatore.

La questione, tuttavia, non è lineare, posto che, se è vero che le fondazioni c.d. “di famiglia” trovano un riconoscimento all’interno del codice civile, l’ordinamento limita la possibilità di servirsi di tali strumenti per perseguire scopi individuali.
Le fondazioni di famiglia sono solo menzionate all’art. 28 comma 3 c.c., a mente del quale le “disposizioni del primo comma di questo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU