X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La crisi COVID può escludere il dolo degli omessi versamenti

Rileva che la condotta sia stata tenuta in circostanze eccezionali tali da rendere soggettivamente inesigibile il comportamento lecito

/ Maria Francesca ARTUSI

Lunedì, 29 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ha avuto molta risonanza mediatica una decisione del Tribunale di Milano che ha assolto un’imprenditrice dal reato di omesso versamento delle ritenute in forza dell’acclarata crisi del settore orafo a cui si è aggiunta l’emergenza COVID-19. Si tratta della pronuncia n. 6254 depositata lo scorso 11 giugno che ha riconosciuto la mancanza dell’elemento soggettivo richiesto dall’art. 10-bis del DLgs. 74/2000 (omesso versamento di ritenute dovute o certificate) “essendo stata offerta adeguata prova della crisi di liquidità che ha coinvolto la società ed ha determinato l’inesigibilità dell’adempimento fiscale”.

La società in questione si occupava di produzione industriale di cubi zirconia, di trading di materiale per la gioielleria (acquistava ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU