Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Alle Sezioni Unite le operazioni inesistenti in reverse charge

La questione riguarda l’applicabilità dell’art. 6 comma 9-bis.3 secondo periodo del DLgs. 471/97

/ Dario AUGELLO

Venerdì, 21 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza interlocutoria n. 1703/2022 la Cassazione ha rimesso gli atti al Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della questione relativa all’applicabilità dell’art. 6 comma 9-bis.3 secondo periodo del DLgs. 471/97 ai casi di operazioni inesistenti soggette a reverse charge.

Si rammenta che l’art. 6 comma 9-bis.3 primo periodo, introdotto dal DLgs. 158/2015, concerne il caso del cessionario, il quale applica erroneamente il meccanismo dell’inversione contabile a operazioni esenti, non imponibili o non soggette a imposta.
Si tratta, ad esempio, del caso in cui il cessionario o committente, che riceve una prestazione di servizi o una cessione di beni da un soggetto non residente, ritenga per errore l’operazione rilevante ai fini ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU