Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Rimborso delle imposte con dies a quo dalla data del ravvedimento

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 23 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base all’opinione maggiormente accreditata, il contribuente non può, sulla base di un semplice ripensamento, ritrattare il ravvedimento operoso.
Tale principio, pacifico in giurisprudenza (Cass. 21 dicembre 2016 n. 26545, Cass. 30 marzo 2016 n. 6108), è stato di recente affermato dall’Agenzia delle Entrate nelle risposte rese nel corso di Telefisco.
Detto postulato, onde evitare equivoci, deve essere contestualizzato.

Ipotizziamo che un contribuente ravveda una dichiarazione infedele espungendo un costo dedotto in quanto, esaminando in modo più approfondito la relativa documentazione, si accorge che lo stesso risulta non adeguatamente documentato.
Poi, trova ulteriore documentazione a supporto di quel costo, oppure sopravviene un intervento di prassi che conferma come, sulla base ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU