Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Regole certe per le cessioni coattive

/ Tommaso NIGRO

Sabato, 6 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel più generale ambito delle operazioni di liquidazione dell’attivo attuate all’interno delle procedure concorsuali un ruolo di rilievo riveste la cessione dei beni immobili, caratterizzata sin dai suoi albori da una certa rigidità di regole, probabilmente dettate dalla particolare rilevanza, anche in termini economici, che detti cespiti assumono nel contesto sociale.

Prescindendo dall’ipotesi di intervento nella procedura esecutiva, si pone per il curatore una prima meditazione, e cioè se fare o meno utilizzo della previsione di cui al comma 2 dell’art. 107 del RD 267/42. È vero infatti che, per una serie di non del tutto comprensibili ragioni, il legislatore della prima riforma – ma a ben vedere anche l’attuale disposizione emendata di cui all’art. 216 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU