ACCEDI
Venerdì, 14 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il regime dei costi «black list» si estende ai rapporti con la Russia

La lista Ue, revisionata ieri, ha visto, tra i nuovi ingressi, quello di Mosca

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Mercoledì, 15 febbraio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella seduta di ieri, 14 febbraio 2023, il Consiglio dell’Unione europea ha effettuato la revisione periodica della black list dell’Unione, inserendovi quattro nuovi Stati: Isole Vergini britanniche, Costa Rica, Isole Marshall e Russia. I Paesi interessati passano quindi da 12 a 16.

Le modifiche hanno un impatto diretto nell’ordinamento italiano, in quanto la lista è valida ai fini dell’individuazione delle controparti nei cui rapporti opera la nuova disciplina dei costi “black list” (art. 110 commi da 9-bis a 9-quinquies del TUIR). A seguito dell’intervento della L. 197/2022, infatti, sono stati reintrodotti i vincoli di deducibilità alle spese derivanti da operazioni intercorse con imprese o professionisti residenti o localizzati in Stati o territori

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU