ACCEDI
Mercoledì, 26 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Azione del curatore inscindibile e autonoma

La Cassazione ribadisce alcune indicazioni dei giudici di legittimità che hanno suscitato diverse perplessità anche in recenti pronunce di merito

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 23 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nell’ordinanza n. 14243, depositata ieri, ha affermato che l’azione del curatore fallimentare fondata sull’avere gli amministratori appostato nell’attivo patrimoniale del bilancio beni immobili non appartenenti alla società e sull’avere imputato tra le voci del patrimonio netto come riserva (utilizzata a copertura delle perdite) contributi in conto capitale erogati dal Ministero in assenza del definitivo provvedimento di riconoscimento, rivela circostanze incontrovertibilmente denuncianti il nascondimento dell’insufficienza del patrimonio sociale, e, quindi, l’esercizio non solo dell’azione sociale ma anche dell’azione riconosciuta a tutela dei creditori sociali.

Ai sensi dell’art. 2394-bis c.c., in caso di fallimento

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU