ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Tax credit impianti di compostaggio con codice tributo «6860»

/ REDAZIONE

Giovedì, 13 giugno 2024

x
STAMPA

Con la risoluzione n. 29 di ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta riconosciuto per le spese sostenute per l’installazione e messa in funzione di impianti di compostaggio presso i centri agroalimentari presenti nelle Regioni Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia di cui all’art. 1 comma 831 della legge 30 dicembre 2021 n. 234. Con il provvedimento n. 260004 del 7 giugno scorso, l’Amministrazione finanziaria aveva disposto che il credito d’imposta richiesto è interamente fruibile (si veda “Tax credit impianti di compostaggio richiesto utilizzabile al 100%” dell’8 giugno 2024).

L’agevolazione è utilizzabile dai beneficiari esclusivamente in compensazione e unicamente attraverso i servizi telematici resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate. Dunque l’Amministrazione finanziaria ha ieri istituito il codice tributo “6860” denominato “Credito di imposta impianti di compostaggio - articolo 1, commi da 831 a 834, della legge 30 dicembre 2021, n. 234”.

Nel modello F24, tale codice tributo va indicato nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”, ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”. Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno a cui si riferisce il credito, nel formato “AAAA”, indicato nel cassetto fiscale.

L’Agenzia delle Entrate, in fase di elaborazione dei modelli F24 presentati dai contribuenti, verificherà che l’importo del credito utilizzato in compensazione non risulti superiore all’ammontare massimo fruibile sulla base dei dati risultanti dalle comunicazioni inviate all’Agenzia stessa, pena lo scarto del modello F24.

Ciascun beneficiario può visualizzare l’ammontare dell’agevolazione fruibile in compensazione tramite il proprio cassetto fiscale.

TORNA SU