X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Niente accertamento per le ritenute utilizzate nell’anno sbagliato

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 13 agosto 2010

Ove l’Agenzia delle Entrate emani un atto impositivo basato sulla violazione del principio di cassa in merito alla dichiarazione, ad opera di un professionista, di ritenute relative a redditi percepiti nel successivo periodo d’imposta, occorre che l’ufficio provveda alla riliquidazione delle dichiarazioni relative a entrambi gli esercizi “interessati” dall’accertamento.
La questione riveste notevole importanza, siccome non riguarda solo l’errata applicazione del principio di cassa per i possessori di reddito di lavoro autonomo, ma tutte le rettifiche aventi, per così dire, “valenza pluriennale”, anche nel caso di reddito d’impresa.

Nella fattispecie esaminata dalla Commissione tributaria provinciale di Torino con la sentenza del 28 aprile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU