X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Violazioni IVA non sanzionabili se «aggiustate» prima della liquidazione

/ Alfio CISSELLO e Marco PEIROLO

Lunedì, 15 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 6 del DLgs. 471/97 contempla che le sanzioni sull’errata/omessa/infedele fatturazione nonché registrazione delle operazioni vadano dal 100% al 200% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato o registrato nel corso dell’esercizio.

Ove dette violazioni, “a cascata”, si riflettano sulla dichiarazione annuale, la fattispecie integra anche la sanzione da infedele dichiarazione, e l’Ufficio, nel momento in cui forma l’atto di contestazione della sanzione o l’accertamento, deve tenere conto della continuazione determinando una sanzione unica.
È ovviamente fatta salva la possibilità di sanare la situazione mediante ravvedimento operoso, anche se in tal caso il contribuente non può beneficiare del più mite ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU