Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Incostituzionale l’inammissibilità del ricorso per «salto» della mediazione

La Corte Costituzionale riafferma che il diritto di azione non può essere «schiacciato» dal potere amministrativo

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 17 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per effetto della L. 147/2013, che ha modificato l’art. 17-bis del DLgs. 546/92, la mancata presentazione del reclamo non ha più come effetto l’inammissibilità del ricorso ma la semplice improcedibilità; per questa ragione, se il contribuente, nelle liti su atti emessi dall’Agenzia delle Entrate di valore non superiore a 20.000 euro, omette di notificare il reclamo presentando subito il ricorso, se la parte pubblica ritiene solleva la relativa eccezione e il giudice rinvia l’udienza, permettendo così alle parti di incontrarsi per la mediazione.

Ma, per espressa previsione della L. 147/2013, dette modifiche non si applicano retroattivamente, bensì solo a decorrere dagli atti reclamabili notificati dal 2 marzo 2014.
Pertanto, in merito alla fase transitoria sono rimasti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU