Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Impossibile rinunciare all’agevolazione prima casa in vista del nuovo acquisto

Lo ha ribadito la Suprema Corte, ricordando la natura negoziale della richiesta del beneficio

/ Anita MAURO

Giovedì, 31 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non è possibile rinunciare all’agevolazione prima casa, goduta su di un acquisto immobiliare perfezionato 15 anni addietro, in vista della stipula di un nuovo acquisto, in relazione al quale l’applicazione dell’agevolazione prima casa risulterebbe maggiormente favorevole.
Lo ribadisce la Corte di Cassazione, nella sentenza 30 luglio 2014 n. 17294.

I fatti che hanno dato luogo al giudizio meritano di essere descritti, in virtù della loro peculiarità.
Due coniugi, circa 15 anni dopo aver acquistato un immobile con l’agevolazione prima casa, dichiarano all’Agenzia delle Entrate che il beneficio era stato loro attribuito senza averne titolo e ne chiedono ed ottengono la revoca.
Di conseguenza, l’Agenzia delle Entrate, con apposito atto, liquida le maggiori imposte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU