X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Codatorialità nei gruppi in presenza dell’uso promiscuo dei dipendenti

Per la Cassazione il rapporto di lavoro è imputabile al gruppo societario se le diverse società «condividono» la forza lavoro

/ Viviana CHERCHI

Giovedì, 10 gennaio 2019

Nella pronuncia n. 267, depositata ieri, la Suprema Corte affronta la questione dell’accertamento della titolarità del rapporto di lavoro in presenza di una pluralità di imprese facenti parte di un medesimo gruppo societario.
Con il termine codatorialità si intende l’imputazione di un rapporto di lavoro a più soggetti, formalmente autonomi quali imprenditori che, per collegamenti societari o per integrazione contrattuale, possono essere considerati codatori e quindi rispondere congiuntamente delle obbligazioni relative al contratto di lavoro.
Nell’ambito di un gruppo societario, si può parlare di codatorialità quando più imprese operano, almeno di fatto, come un “gruppo” per il raggiungimento di interessi, coordinati e prevalenti, che trascendono quelli delle singole

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU