X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’indicazione del bollo sulle e-fatture è onere del cedente

È prevista la responsabilità solidale per l’acquirente che deve attivarsi nel richiedere la regolarizzazione del documento

/ Andrea BONINO e Emanuele GRECO

Mercoledì, 23 gennaio 2019

L’emissione delle fatture elettroniche (al pari delle fatture analogiche) può comportare la debenza dell’imposta di bollo qualora il documento sia di importo superiore a 77,47 euro e non riguardi corrispettivi assoggettati ad IVA, come nel caso delle operazioni fuori campo IVA e delle operazioni esenti (art. 10 del DPR 633/72).
Sono, invece, esenti da bollo, le fatture relative ad operazioni in reverse charge (circolare Agenzia Entrate n. 37/2006, in merito ad esempio, ai subappalti nel settore edile).

Con riferimento alle operazioni non imponibili IVA, il bollo è dovuto per le cessioni assimilate alle esportazioni (art. 8-bis del DPR 633/72), per i servizi internazionali (art. 9 del DPR 633/72) e per le forniture ad esportatori abituali (art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72), mentre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU