X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Le regole tecniche antiriciclaggio non sono soft law

Per il Notariato si tratta di fonti normative integrative della norma primaria

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 24 gennaio 2019

Lo Studio n. 1_2018-B del Consiglio nazionale del Notariato esamina il ruolo e la funzione da attribuire alle c.d. regole tecniche antiriciclaggio elaborate dagli organismi di autoregolamentazione nel mutato quadro delle fonti del diritto.

Nell’ambito della disciplina antiriciclaggio, nonostante le richieste avanzate dai professionisti, anche in esito alle novità apportate dal DLgs. 90/2017 l’impianto normativo è rimasto unitario quanto ad obblighi e relative sanzioni, non essendo stata recepita la richiesta di opportune differenziazioni tra le due (principali) categorie di soggetti destinatari degli obblighi (operatori del settore finanziario e professionisti). Se ciò è vero, tuttavia, è altresì da riconoscere come il DLgs. 90/2017 abbia introdotto un parziale rimedio a tale situazione,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU