X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Nel passaggio tra diversi tipi di bilancio cambiano i criteri di valutazione

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Sabato, 2 febbraio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La determinazione del risultato d’esercizio può dipendere dal tipo di bilancio che si redige: micro, abbreviato od ordinario. Dopo l’entrata in vigore del DLgs. 139/2015, infatti, i criteri di valutazione, a differenza del passato, non sono gli stessi per le diverse tipologie di bilancio. Se l’impresa redige il bilancio in forma ordinaria per la prima volta nel 2018, diviene obbligatorio il criterio di valutazione del costo ammortizzato. Se il salto è doppio, da bilancio micro direttamente a ordinario, dovranno anche essere iscritti in bilancio gli strumenti finanziari derivati.

Le problematiche della prima applicazione di nuovi criteri di valutazione non sono disciplinate né dal codice civile né dal DLgs. 139/2015; gli OIC assumono pertanto un ruolo fondamentale.
Nell’ambito

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU