X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Professioni

Adeguata verifica soft per le prestazioni a rischio non significativo

La connotazione di tali prestazioni si pone a valle di un processo valutativo, che seppur non formalizzato dovrà comunque essere svolto

/ Luciano DE ANGELIS

Venerdì, 8 febbraio 2019

Ben 24 prestazioni professionali e incarichi in organi endosocietari sono considerate a rischio non significativo dalle nuove regole tecniche antiriciclaggio (che raggruppano tali prestazioni nell’apposita tabella 1, elencandole nel dettaglio), emanate dal CNDCEC nella veste di organo di autoregolamentazione.

La tabella è stata costruita da un lato sulla base delle specifiche esenzioni previste dall’art. 17, comma 7 del DLgs. 231/2007 e, dall’altro in relazione a situazioni che non sottendono alcun aspetto finanziario o economico patrimoniale legato alla prestazione professionale e quindi non consentono di valutare l’ambito operativo del committente in relazione alla tipologia di prestazione resa (si pensi alla predisposizione di interpelli con richiesta di chiarimenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU