X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Autovalutazione del rischio riciclaggio obbligatoria anche per i professionisti

La regola tecnica del CNDCEC individua il modello sulla base delle indicazioni comunitarie

/ Annalisa DE VIVO

Lunedì, 18 febbraio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 15 del DLgs. 231/2007, come modificato dal DLgs. 90/2017, disciplina la valutazione del rischio, ponendo in capo alle autorità di vigilanza e agli organismi di autoregolamentazione il compito di stabilire criteri e metodologie di valutazione del rischio commisurati alla natura dell’attività svolta e alle dimensioni dei soggetti obbligati. Questi ultimi devono adottare procedure di valutazione del rischio “oggettive e coerenti” rispetto alle indicazioni fornite dalle autorità di vigilanza e dagli organismi di autoregolamentazione, in considerazione dei fattori di rischio connessi alla tipologia di clientela, all’area geografica di operatività, ai canali distributivi e ai prodotti/servizi offerti.
Per quanto concerne i professionisti, l’elencazione sommaria

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU