X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 25 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le società estere non sono sempre sostituti d’imposta

Il quadro risulta, tuttavia, poco organico, addossando obblighi anche a società con rapporti «minimi» con l’Amministrazione finanziaria italiana

/ Massimo NEGRO e Gianluca ODETTO

Martedì, 16 aprile 2019

Con il recente principio di diritto n. 8/2019, l’Agenzia delle Entrate ha rilevato che una società estera proprietaria di immobili in Italia riveste la qualifica di sostituto d’imposta ed è, quindi, tenuta a prelevare le ritenute alla fonte (nella fattispecie, su compensi di lavoro autonomo pagati a professionisti italiani) e a porre in essere gli adempimenti conseguenti “a valle” (consegna delle certificazioni ai percipienti, trasmissione delle stesse all’Agenzia delle Entrate e presentazione del modello 770).

Il documento rappresenta però, con tutta probabilità, un’occasione persa per chiarire in modo definitivo quale sia il discrimine tra le società estere che assumono la qualifica di sostituti d’imposta e quelle che, invece, non lo sono.
In termini ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU