X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Test di operatività e calcolo del reddito minimo solo sui costi fiscalmente riconosciuti

I maggiori valori contabili iscritti a seguito di un’operazione straordinaria non rilevano ai fini della disciplina sulle società non operative

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Martedì, 9 luglio 2019

La declinazione più consolidata della disciplina sulle società di comodo è quella delle realtà non operative, introdotta e regolamentata dall’art. 30 della L. 23 dicembre 1994 n. 724.
Il meccanismo della norma, in particolare, prevede che il giudizio sul soggetto sia tratto sulla base di un confronto tra i suoi ricavi minimi presunti e i relativi ricavi effettivi: se il primo termine eccede il secondo, la società si considera non operativa.

La determinazione dei ricavi minimi presunti avviene applicando le percentuali indicate dall’art. 30 comma 1 della L. 724/94 al valore delle partecipazioni e dei crediti finanziari, degli immobili e delle navi, e infine delle altre immobilizzazioni: in particolare, i coefficienti di legge, variegati per tipologia di beni, devono essere applicati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU