X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Pausa pranzo stabilita dalla contrattazione collettiva

In mancanza di un accordo collettivo che la preveda, il lavoratore ha diritto a una pausa non inferiore a dieci minuti

/ Noemi SECCI

Lunedì, 23 settembre 2019

Il decreto sull’orario di lavoro (DLgs. 66/2003), nell’elencare le interruzioni e i riposi dei quali può fruire la generalità dei dipendenti, prevede che, qualora l’orario lavorativo giornaliero ecceda il limite delle sei ore, il lavoratore abbia diritto a interrompere l’attività, per recuperare le energie psicofisiche, per attenuare le mansioni monotone e ripetitive e per l’eventuale consumazione del pasto. Le modalità e la durata della pausa devono essere stabilite dal contratto collettivo di lavoro applicato (art. 8, comma 1 del DLgs. 66/2003).

In mancanza di un accordo collettivo che preveda un intervallo per il pranzo o ad altro titolo, al dipendente deve essere concessa una pausa, anche sul posto di lavoro, tra l’inizio e la fine di ogni giornata, di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU