X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Riscritta la monetizzazione delle ferie per i dirigenti del settore industria

L’accordo di rinnovo del CCNL prevede un limite all’eccezione di monetizzare le ferie non godute quale conseguenza di una libera scelta del dirigente

/ Viviana CHERCHI

Lunedì, 23 settembre 2019

Il 30 luglio 2019, Confindustria e Federmanager hanno siglato il rinnovo del CCNL per i dirigenti di aziende produttrici di beni e servizi. L’accordo, che decorre dal 1° gennaio 2019 e scadrà il 31 dicembre 2023, prevede, tra le principali novità, una diversa disciplina in materia di liquidazione delle ferie non godute.

Sul punto si ricorda come, per la generalità dei lavoratori, l’art. 36 della Costituzione e l’art. 7 della Direttiva 93/104/Ce (confluita nella Direttiva 2003/88/Ce) abbiano sancito l’irrinunciabilità di un periodo annuale di ferie.
L’art. 10 del DLgs. 66/2003, recependo le disposizioni del legislatore comunitario, prevede poi una durata minima del periodo di ferie di quattro settimane e il divieto di monetizzare le ferie non godute, proprio al fine

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU