X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Effetto esdebitatorio preclusivo delle procedure di composizione della crisi

Riguardo al sovraindebitamento il CCII risolve il contrasto giurisprudenziale aderendo all’orientamento maggioritario

/ Chiara CRACOLICI e Alessandro CURLETTI

Lunedì, 23 settembre 2019

Uno dei presupposti di ammissibilità alle procedure di composizione delle crisi ex L. 3/2012, comune a tutte e tre le procedure di sovraindebitamento, è indicato, quanto al piano e accordo, dall’art. 7, comma 2, lett. b) e, quanto alla liquidazione, dall’art. 14-ter comma 1 della L. 3/2012 (per il primo presupposto, quello del sovraindebitamento, si veda “Debitore in stato di crisi o insolvenza per il sovraindebitamento” del 22 luglio 2019).

Ai sensi del combinato disposto di tali norme, la proposta di piano o accordo o la domanda di liquidazione è inammissibile ove il debitore “ha fatto ricorso, nei precedenti cinque anni” alle procedure di composizione. L’interpretazione della locuzione ha sollevato un dibattito in seno alla giurisprudenza. Il primo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU