X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / IAS

La riserva da «deemed contribution» rilevata disattiva la derivazione rafforzata

Per i finanziamenti intercompany ciò pone alcuni dubbi interpretativi sull’individuazione degli interessi passivi da assoggettare all’art. 96 del TUIR

/ Valeria RUSSO

Lunedì, 23 settembre 2019

Per le operazioni di finanziamento a tassi significativamente diversi da quelli di mercato, quando viene rilevata a patrimonio netto la c.d. riserva da deemed contribution in applicazione della contabilizzazione con il metodo del costo ammortizzato previsto dall’IFRS 9, la derivazione rafforzata è disattivata. Ciò non solo determina la necessità di gestire un doppio binario civilistico-fiscale ai fini della determinazione della base imponibile IRES, ma pone anche alcuni dubbi interpretativi circa l’individuazione degli interessi passivi da assoggettare all’art. 96 del TUIR, laddove gli stessi siano previsti dal contratto.

In base all’IFRS 9 il modello base per valutare e contabilizzare le passività finanziarie è il criterio del costo ammortizzato, che prevede, accanto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU