X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il CdA retribuisce attività estranee e riconosce premi

Il Tribunale di Roma sembra riproporre un contestato orientamento dei giudici di legittimità

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 23 settembre 2019

Il Tribunale di Roma, nella sentenza 15 maggio 2019 n. 10212, fornisce una serie di importanti indicazioni in ordine ai compensi degli amministratori di spa.

Ai sensi dell’art. 2389 comma 3 c.c., “la rimunerazione degli amministratori investiti di particolari cariche in conformità dello statuto è stabilita dal consiglio di amministrazione, sentito il parere del collegio sindacale. Se lo statuto lo prevede, l’assemblea può determinare un importo complessivo per la remunerazione di tutti gli amministratori, inclusi quelli investiti di particolari cariche”.

Secondo i giudici romani la norma farebbe riferimento a quelle prestazioni che esulino dal normale rapporto di amministrazione (attività estranee), rientrando tra le funzioni tipiche dell’amministratore soltanto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU