X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 23 febbraio 2020

FISCO

Destinazione d’uso del bene da considerare per l’aliquota IVA

Secondo la Cassazione il presupposto per applicare l’aliquota ridotta è la reale ed effettiva destinazione dei beni nel settore di riferimento

/ Emanuele GRECO e Lorenzo UGOLINI

Lunedì, 23 settembre 2019

Per individuare la corretta aliquota IVA da applicare alla cessione di un determinato prodotto è necessario valutare non solo la composizione e qualificazione merceologica dello stesso, ma anche – e soprattutto – la sua reale ed effettiva destinazione d’uso.

Tale fondamentale principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 29 agosto 2019 n. 21804, essendo chiamata a pronunciarsi sulla corretta applicazione dell’aliquota IVA relativa a specifici prodotti fitosanitari e medicali.
Nell’ordinamento nazionale la Tabella A, allegata al DPR 633/72, nelle sue Parti II, II-bis e III, in applicazione dell’art. 98 della direttiva 2006/112/Ce, enumera una serie tassativa di beni (oltre che di servizi) assoggettati ad aliquote d’imposta ridotte (rispettivamente,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU