X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 gennaio 2020

IL CASO DEL GIORNO

Il credito d’imposta resta esistente se non viene compilato il quadro RU

/ Alfio CISSELLO e Caterina MONTELEONE

Lunedì, 7 ottobre 2019

Il legislatore, con l’art. 13 comma 5 seconda parte del DLgs. 471/97, ha definito il credito inesistente come quello “in relazione al quale manca, in tutto o in parte, il presupposto costitutivo e la cui inesistenza non sia riscontrabile mediante” la liquidazione automatica della dichiarazione.
Applicando la regola prevista con la disposizione in analisi, si rileva che la contestazione di inesistenza del credito d’imposta presuppone la mancanza di un elemento costitutivo.

Ciò premesso, bisogna approfondire la legittimità degli atti con i quali l’Agenzia delle Entrate nega la compensazione di un credito d’imposta, che viene ritenuto inesistente, non per mancanza dei requisiti richiesti per fruire del credito d’imposta stesso, ma solo in considerazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU